Aprile 2019

EVENTI E MANIFESTAZIONI

DON LUIGI CIOTTI SARÀ A RIETI

persone, società

Giovedì 11 Aprile, alle ore 11, presso la chiesa di San Domenico, sarà presente Don Luigi Ciotti, unitamente al vescovo Domenico Pompili e alcuni ospiti tecnici e istituzionali legati alle vicende del terremoto per l'incontro "Vite sospese, dall’indignazione alla progettazione partecipata per nuovi modelli di ricostruzione" nell'iniziativa promossa dal coordinamento provinciale di Libera di Rieti

Le vite sospese sono infatti quelle di chi abita paesi distrutti dalle calamità che faticano a uscire dallo stallo successivo alla prima emergenza. Si allunga così il tempo delle soluzioni provvisorie, mentre l’orizzonte di una vera ricostruzione sembra sempre più lontano.

 

Non tutto per fortuna è fermo. Accanto ai rischi che l’immobilità e lo spopolamento portano sul territorio, si proverà allora a fare il punto anche sulle cose che funzionano, sui progetti avviati, sugli interventi aperti o in fase di avvio.

Negli anni novanta l'impegno di don Ciotti si allarga, infatti, al contrasto alla criminalità organizzata. Dopo le stragi di Capaci e via d’Amelio dell'estate del 1992, fonda il mensile Narcomafie – di cui sarà a lungo direttore – e nel 1995 il coordinamento di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, oggi punto di riferimento per oltre 1.600 organizzazioni nazionali e internazionali (fra cui diverse sigle del mondo dell'associazionismo, della scuola, della cooperazione e del sindacato). Nel 1996 Libera promuove la raccolta di oltre un milione di firme per l'approvazione della legge sull’uso sociale dei beni confiscati, e nel 2010 una seconda grande campagna nazionale contro la corruzione.

Obiettivo di Libera è alimentare quel cambiamento etico, sociale e culturale necessario per spezzare alla radice i fenomeni mafiosi e ogni forma d'ingiustizia, illegalità e malaffare. A questo servono i percorsi educativi in collaborazione con 4.500 scuole e numerose facoltà universitarie; le cooperative sociali sui beni confiscati con i loro prodotti dal gusto di legalità e responsabilità; il sostegno concreto ai familiari delle vittime e la mobilitazione annuale del 21 marzo, “Giornata della memoria e dell’impegno”; l'investimento sulla ricerca e l'informazione, attraverso l'Osservatorio “LiberaInformazione”; l'attenzione alla dimensione internazionale, con la rete di Flare – freedom, legality and rights in Europe.

Nel gennaio 2013 le associazioni che presiede (Libera e Gruppo Abele) avviano la campagna online di Riparte il futuro, che ha permesso la modifica dell'articolo 416 ter del codice penale in tema di voto di scambio politico - mafioso il 16 aprile 2014.

condividi su: