Ottobre 2019

DELEGAZIONE REATINA A VIGNOLA FIRMA PROTOCOLLO D'INTESA PER CREARE RETE INTORNO ALLA FIGURA ED ALLE OPERE DEL FAMOSO ARCHITETTO

cultura

Il consigliere delegato alla scuola e componente del Comitato Gemellaggi del Comune di Rieti, Letizia Rosati, insieme a Daniela Acuti, si sono recate nel weekend appena trascorso a Vignola (Modena) per gettare le basi di una ulteriore fase del progetto avviato lo scorso 26 e 27 gennaio, presso la Sala Consiliare del Comune di Rieti, in occasione della firma dell’accordo tra Rieti, Vignola e Sant’Oreste (Roma), finalizzato ad intraprendere un’attività culturale proficua, inedita ed originale sull’architetto Jacopo Barozzi detto il Vignola ( Vignola 1507- Roma 1573 ), che ha lungamente lavorato a Rieti ed in Sabina al seguito della potente famiglia dei Farnese sotto il pontificato di papa Paolo III e poi il gran cardinale Alessandro. Scopo del Patto è quello di aprire la città di Rieti ad iniziative innovative di tipo turistico-culturale che inevitabilmente stimoleranno altri ambiti di interazione. L’elemento forte è l’auspicato recupero da parte della Soprintendenza del Lazio ( che ha già stanziato un primo finanziamento di 300.000.000 €), della chiesa di Sant’Antonio Abate in Rieti, progettata dal Vignola nel 1570 sul modello della sua più celebre chiesa del Gesù di Roma. La visita a Vignola da parte delle rappresentanti del Comitato Gemellaggi porterà, attraverso un protocollo di Intesa firmato tra i due Comuni, a lanciare una proposta di rete alle Città che possiedono opere del grande architetto del tardo Rinascimento italiano. Il protocollo sarà così inviato ai comuni di Roma, Bologna, Piacenza, Parma, Norcia, Viterbo, Caprarola, Fara Sabina, Grotte di Castro e Capranica. Alcuni di essi hanno già dato approvazione informale al progetto.
“Ringraziamo gli amici di Vignola per la calorosa accoglienza. Sono stati giorni intensi di rapporti e scambi, nell’ottica di progetti di sviluppo comune per il futuro – dichiara il Consigliere comunale Letizia Rosati - Il ruolo di Rieti sarà centrale e strategico perché l’occasione del restauro della Chiesa di Sant’Antonio Abate vedrà un rinnovato interesse scientifico sull’opera dell’architetto vista la collaborazione con due prestigiose Università: la facoltà di Ingegneria-Architettura de l'Aquila e quella di Architettura della Sapienza di Roma. Il Protocollo prevede, quindi, una collaborazione triennale in preparazione della ricorrenza dei 450 anni della morte dell’artista nel 2023 con mostre fotografiche, eventi culturali itineranti, collaborazioni con associazioni di caratura nazionale come il Fai, attività di sensibilizzazione costante presso la Regione Lazio proprietaria dell’immobile. Essendo la Chiesa reatina l'unico immobile, tra i tanti dell'architetto, che versa in condizioni precarie a causa di un abbandono che dura da circa 50 anni, il sito reatino rappresenterà l’occasione unica e privilegiata per porre la nostra Città al centro di un rinnovato interesse e di una riscoperta filologica e critica del maestro”.

condividi su:
TACA BANDA
cultura