Gennaio 2020

SALUTE

CUP "IO MALATA ONCOLOGICA COSTRETTA A RIMANERE IN FILA PER ORE"

sanità

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera che, ennesima testimonianza, denuncia i disagi dovuti al cambio del sistema informatico che richiede, soprattutto in caso di ricette rosa e di analisi di laboratorio, tempi di inserimento lunghi e macchinosi per gli spessi operatori
"Spettabile redazione, volevo segnalare un immenso disagio al Cup dell'ospedale e della ASL. Sono, purtroppo, una malata oncologica e per chemio e esami vari mi reco spesso in ospedale. Mi chiedo se i dirigenti siano a conoscenza del fatto che  gli invalidi come me debbono fare in media 1 ora e 30 di fila per timbrare una impegnativa, stando in attesa tra un centinaio di persone che possono essere anche solo raffreddate, per non parlare di altre patologie. Nel mio caso come in quello di altre persone, anche un raffreddore è un problema. Questa mattina per il ticket per il permesso di parcheggio avendo 5 persone davanti ho atteso quasi 2 ore. Ci sono quindi professionisti che stanno facendo di tutto per salvare la sanità reatina e che potrebbero fare ancora di più se solo ne avessero i mezzi, e dirigenti "incapaci"???? Si riempiono la bocca promettendo un ospedale nuovo e poi cacciano i malati!  Fare 3 ore di fila per pagare il ticket e fare un prelievo e invece alle 11. 30 sentirsi dire "Tornate domani, chi deve fare le analisi può tornare domani o andare altrove"  Per non parlare di persone invalide e anziane costrette anche a stare in piedi visto che alle ASL c è un ufficio (con un'impiegata che provvede alle pratiche)  senza numeretto: quindi o stai in fila oppure perdi il posto  con 2 sedie prestate dalla sicurezza, credo"

condividi su: