Marzo 2020

SALUTE

CORONAVIRUS, L'ITALIA SI DIFENDE A TUTTO CAMPO

amministrazione

L'ha fatto. Il premier Conte ha appena annunciato la necessità di un ulteriore provvedimento all'Italia intera: chiudere tutto. Con coraggio quindi questa nazione, rispettando il bene supremo della salute dell'individuo, chiude tutto ciò di cui non c'è necessità immediata. Serrande abbassate ad eccezione di alimentari e farmacie. Resta consentita la consegna a domicilio. Trasporti, uffici assicurativi e postali aperti. Opereranno solo le aziende in grado di garantire misure di sicurezza. Chiusi invece i reparti aziendali "non indispensabili" per la produzione. Si incentiva anche la regolazione di turni di lavoro e le ferie anticipate. Sono sospese dunque le attività di bar, pub, ristoranti (per tutto il giorno e non solo dopo le 18). Chiudono parrucchieri, centri estetici e servizi di mensa. Mentre saranno aperte edicole e tabacchi, e lavoreranno anche idraulici, meccanici e benzinai. "Mi raccomando - ha detto Conte in chiusura - non serve a nulla la corsa ai supermercati, resteranno tutti aperti, così come gli alimentari". A breve nominera un commissario delegato per le strutture ospedaliere, che lavorerà per garantire la produzione di dispositivi per la terapia intensiva. "Nominerò Domenico Arturi, amministratore delegato di Inditalia, si coordinerà con la protezione civile". 

Si è poi congedato con un invito ed un augurio "Rimaniamo distanti oggi per abbracciarci con più calore domani, tutti assieme ce la faremo".

11_03_20 22:10

condividi su: