Giugno 2019

CONFARTIGIANATO E COMUNE INSIEME CONTRO L'ABUSIVISMO NELL'INTERESSE DI TUTTI

lavoro

Si è dato ufficialmente il via questa mattina in sala consiliare alla campagna contro l’abusivismo, elaborata in conseguenza del protocollo firmato tra l’Associazione di categoria e l’Ente comunale. Sono intervenuti il Vicesindaco di Rieti, Daniele Sinibaldi, il Direttore di Confartigianato Imprese Rieti Maurizio Aluffi, e del Presidente di Confartigianato Franco Lodovici.

 “Diamo seguito al protocollo firmato qualche settimana fa attraverso l’avvio di che sarà condotta in sinergia, ognuno per le proprie competenze, da Comune e Confartigianato. Si tratterà sia di una campagna pubblicitaria e informativa, sia di un’azione operativa tra le imprese – spiega Daniele Sinibaldi nel suo doppio ruolo anche di assessore alle attività produttive - Non si tratta certamente di una caccia alle streghe ma di un momento di educazione e di crescita con la funzione intermedia dell’associazione di categoria che provvederà ad un’opera di sensibilizzazione tesa a far emergere fenomeni sommersi e, se necessario, ad intervenire anche attraverso nuove regolamentazioni e iniziative del Comune. Tra l’altro, abbiamo ampliato l’idea originaria, inserendo nella campagna il settore delle agenzie pubblicitarie: di questo protocollo fa anche parte Federcom che le riunisce e che è una associata di Confartigianato. C’è stata sinora troppa leggerezza in questo settore come spesso sottolineato da chi opera nella legalità. Intendiamo ascoltare problematiche ed esigenze nell’ottica di migliorare la situazione, se necessario riscrivendo insieme le regole, come accaduto ad esempio per la tassa di soggiorno con gli stakeholder del settore. Tutto ciò al fine di arrivare, anche in altri ambiti, ad una situazione più serena, più chiara e più agevole per chi produce economia regolare sul territorio, favorendo, come Ente comunale, le condizioni per lo sviluppo economico locale”.

“Per le nostre aziende è sempre più difficile stare sul mercato. Chi cerca di stare in regola, pagando tasse, contributi, previdenza per tenere aperta una bottega, non riesce più a vivere – sottolinea il Presidente di Confartigianato Franco Lodovici – gli abusivi invece girano nelle case senza sostenere alcuna spesa, mettendo a rischio anche gli stessi clienti che non hanno servizi a norma o prodotti certificati. Quando parliamo di lotta all’abusivismo intendiamo a 360°, trasversalmente, dal parrucchiere al muratore, all’elettricista, al fisioterapista”.

“Al Comune ed in particolare all’assessore Daniele Sinibaldi bisogna dare atto di avere avuto una sensibilità che purtroppo negli anni non abbiamo riscontrato – commenta il  Direttore di Confartigianato Imprese Rieti Maurizio Aluffi - Il protocollo che abbiamo stipulato è anche tecnico/operativo, prevede un comitato ‘di sorveglianza’ composto dai rappresentanti del mondo economico e dell’amministrazione. Le segnalazioni potranno essere fatte direttamente nei nostri uffici da persone a cui garantiamo l’anonimato: sarà Confartigianato a metterci la faccia. Saremo sempre  noi ad inviare la scheda di rilevamento. Dopo una prima scrematura, valuteremo la via interlocutoria con l’interessato che sarà messo al corrente di tutte le possibilità per la regolarizzazione della propria attività, oppure segnaleremo all’amministrazione che si attiverà attraverso i Vigili urbani, la Finanza, i Carabinieri, la Polizia Stradale (per alcuni settori di competenza come l’ autoriparazione).   Ci auguriamo che altre organizzazioni di categoria avvertano il bisogno di starci al fianco poiché è una lotta a cui tutti siamo chiamati, per la correità dei committenti stessi. Stimiamo che in provincia di Rieti il 30% viaggi sul sommerso. Nelle prossime settimane distribuiremo locandine e marchi adesivi alle prime aziende di Confartigianato, dimostreremo quanto sia forte la carica delle aziende regolari che sono stufe della concorrenza sleale da parte di abusivi 

condividi su:
ELEXOS:
lavoro