Agosto 2018

NEWS

CISAL RIETI: "NON C'E' PEGGIOR SORDO DI CHI NON VUOL SENTIRE"

lavoro

"Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, sarà una frase fatta, ma nessun’altra poteva essere più azzeccata per la storia che accomuna Poste Italiane Spa e la Società Cooperativa Global Service, lo dichiara in una nota il Segretario Cisal di Rieti, Marco Palmerini. Una vicenda finita sulla stampa più volte che vede danneggiate alcune decine di lavoratori addetti alle pulizie degli uffici postali della nostra provincia.

La Global Service soc coop è l’impresa appaltatrice del servizio in questione, sembra essere indifferente alle rimostranze dei lavoratori che lamentano un eccessivo carico di lavoro, in alcuni casi solo venti minuti per pulire un ufficio postale, direi giusto il tempo di scattare una foto e non spazzare, lavare e spolverare, afferma Palmerini. La cosa più grave che oltre a questo, la ditta paga quando e come gli pare, in violazione delle più elementari regole contrattuali, infatti, in questo momento gli addetti devono ancora percepire la mensilità di giugno e la quattordicesima.

Come se non bastasse, prosegue il sindacalista, per molti dipendenti della Global Service, sulle buste paga è esercitata una sorta di cresta, limando qua e là quelle che sono le indennità per il lavoro supplementare, le trasferte, i rimborsi spese e sul contributo di solidarietà. 

Da settimane dalla Cisal, continua Palmerini, invitiamo la Global Service a mettersi in regola, mettendo in copia nella corrispondenza anche il committente del servizio Poste Italiane. Ad oggi nessun “segnale di vita” da entrami i soggetti, pertanto visto che Poste Italiane sembrerebbe restare indifferente a tale situazione, il nostro ufficio vertenze ha inoltrato a Poste Italiane una diffida e messa in mora, con l’avviso che trascorsi sette giorni, la stessa verrà chiamata alla responsabilità solidale, impegnando la stessa a pagare i crediti vantati dai lavoratori."

condividi su: