a cura di Luigi Ricci

Novembre 2017

BASKET

CI VUOLE FILOSOFIA

Npc

sport

7.55 del mattino: Antonio è al bar, cappuccino e brioche, questa volta però non legge il solito quotidiano scompaginato sul frigo dei gelati, ma un libro. Intanto arriva Giovanni, caffé al vetro, che chiede: “Antò, que è succéssu? Stai a légge ‘n libbru prequé lu Coriere dellu Sport ha scioperàtu?”.

Antonio: Nòne. Prequé àio ‘ncontràtu Giggi Ricci.

Giovanni: E allora?

Antonio: E’ jìta ssoscì. Io jé àio chiéstu: “Que ha dda fa’ la Enneppiccì pe’ jòca’ méju dde de lu schìfu que ha fàttu fino a mmo’?”

Giovanni: E ìssu que ha ‘ittu?

Antonio: Ha ‘ittu che l’ha dda pija’ co’ filosofia.

Giovanni: Cioè? Che non ha dda recrimina’ se li jocatòri nòi non stàu a joca’ come se sperava o prequé Peppe non ha cambiàtu allenatore st’estate?

Antonio: Jéll’haio ‘ittu pure io. Ma issu ha respòstu: “Questo è un pensiero a posteriori che attiene alle scuole filosofiche greche socratiche, neoplatoniche e aristoteliche. Invece l’approccio della NPC deve essere Kantiano”.

Giovanni: Queeé? La Ennepiccì ha dda canta’? Ma Giggi Ricci s’è scemìtu?

Antonio: None!!! Ma que ha capìtu? No ‘cantiamo’, ma Kantiano, da Immanuel Kant. Illu che ha scrittu ‘stu lìbbru!

Giovanni: Fa ‘n po’ ‘ede’? Critica della ragion pratica de Immanuel Kant. E chi è? N’allenatore dell’Europa dell’est?

Antonio: None, è ‘n filòsofu. Ecco prequé Giggi Ricci ha ìttu che l’Ircoppe l’ha dda pija’ co’ filosofia. Capìtu mo’?

Giovanni: None! E màncu tùne!

Antonio: ‘Nfatti. Tant’è che Giggi Ricci m’ha chiestu: “Benedetto ragazzo, ma non conosci la differenza tra imperativo ipotetico e imperativo categorico?”.

Giovanni: E tu la conùsci?

Antonio: Nòne! E allora Giggi Ricci m’ha ìttu: “Santa pazienza! Devo proprio spiegarti tutto! L’imperativo ipotetico consiste nel pronunciare un comando per ottenere un fine. Esempio: se vuoi andare in Paradiso obbedisci alla legge di Dio. Cioè, se vuoi il Paradiso comportati in un certo modo (obbedisci alla legge di Dio). Invece l’imperativo categorico è tale per la sua imperatività: non è condizionato da nulla (obbedire non dipende dal voler andare in Paradiso) ed esprime una volontà pura, non condizionata (mentre nell’imperativo ipotetico si obbedisce per conseguire il Paradiso). Dunque, non è formulabile con regole particolari che mirano a far compiere un’azione o un’altra. E non proviene da un’autorità esterna all’uomo. Altrimenti il comando morale varrebbe solo per chi riconosce quella autorità, perdendo il carattere di universalità. Infatti il primo imperativo categorico dice: agisci in modo che tu voglia che la massima delle tue azioni divenga universale...”

Giovanni: Ronf, ronf...

Antonio: ...a Giua’! Ma que sta a ffa’? Dormi?

Giovanni: E ccértu! M’ha rencojonìtu! Già alle elementari jèo ssoscì ssoscì, alle medie àio ripetùtu ddu’ ‘orde e poi so’ jìtu a laura’. Preque’ tu que ha capìtu?

Antonio: Còsa. E Giggi Ricci se nn’è accòrtu, ha arzàti l’occhi a lu ciélu e ha ìttu: “L’imperativo categorico della NPC è difendere”.

Giovanni: Dunque, tutte ‘ste citazziùni pe’ ‘ice che la Enneppiccì ha dda defénne méju? E tu c’ha pure compràtu lu libbru dde ‘stu cacchiu dde Kante? Ma llu sa’ que jé citàvo io a Giggi Ricci?

Antonio: None.

Giovanni: Marco Masini.

Antonio: Cioè?

Giovanni: A Giggi Rì: ma vaff...

condividi su: