Ottobre 2019

REGIONE

CALISSE "NON PARLATE DI STABILIZZAZIONE LSU, USATE PAROLE GIUSTE"

lavoro

"Regione Lazio un’altra Farsa!! Nessuna stabilizzazione LSU - così commenta il Presidente della Provincia le notizie giunte ieri - La legge approvata in consiglio Regionale del Lazio non stabilizza i lavoratori LSU ma aumenta di poco il contributo per la fuoriuscita volontaria e il contributo agli enti che vorranno stabilizzare che in genere sono comuni con possibilità economiche ridottissime! Leggo comunicati stampa fuorvianti ma non c’è stata nessuna stabilizzazione ed e’ giusto chiamare le cose col proprio nome!! Ringrazio comunque il consigliere Antonello Aurigemma per aver portato avanti la battaglia che non finisce qui"

Nel dettaglio  la legge approvata ieri “promuove azioni finalizzate a realizzare, nel corso del triennio 2020-2022, il completo svuotamento del bacino regionale dei lavoratori socialmente utili”

Quindi: Assegnare un incentivo finanziario alle amministrazioni e agli enti pubblici nonché alle società a partecipazione pubblica che, “nel rispetto delle relative facoltà assunzionali stabilite dalla legislazione statale” procedano alla stabilizzazione occupazionale dei lavoratori con contratti di lavoro a tempo determinato. Gli incentivi sono concessi nel limite massimo di 60mila euro per ciascun lavoratore ed erogati nel corso di tre annualità (nella misura massima del 50 per cento per la prima e del 25 per le altre);

 Assegnare un contributo finanziario (determinato in base all’età) al lavoratore che volontariamente opti per la fuoriuscita dal bacino regionale, nel limite massimo di 55mila euro.

condividi su: