Gennaio 2020

LIBRI

AREA: ALEMANNO PRESENTA "SOVRANISMO, LE RADICI E IL PROGETTO"

politica

Sabato 1 febbraio, alle ore 17.00 presso la Sala dei Cordari, via Arco dei ciechi, Area Rieti presenterà il libro “Sovranismo, le Radici e il Progetto”. Dopo i saluti del Sindaco di Rieti Antonio Cicchetti e del presidente della provincia Mariano Calisse, ad introdurre e moderare il dibattito sarà Giovanni Rositani. Interverranno Gianni Alemanno, curatore del libro, Simone Di Stefano, vice presidente di CasaPound e Paolo Trancassini, coordinatore regionale di Fratelli d’Italia. “Le ultime elezioni regionali - ha dichiarato Chicco Costini presidente di Area Rieti -  dimostrano con chiarezza che il Sovranismo non può essere solo uno slogan da campagna elettorale, ma deve necessariamente costruire un progetto complessivo di lettura della società attuale, e soprattutto dotarsi di una chiara struttura culturale. L’opera collettanea che presentiamo è uno sforzo che ha visto oltre 40 tra intellettuali, dirigenti politici e militanti di un’area politica, coordinati da Gianni Alemanno, che hanno cominciato a dare sistematicità ad un modello alternativo all’attuale proposta globalista e liberista. Il sovranismo, partendo da Carl Schmitt, contrappone all’egoismo individualista, valore fondante del liberismo, il popolo, inteso come comunità legata da una comune identità, che riconosce valori fondanti la propria appartenenza, popolo che deve riappropriarsi della propria sovranità, tornando a poter scegliere il proprio destino non in nome di interessi economici di una finanza apolide, ma di un patrimonio valoriale che lo caratterizza. Oggi il sovranismo rappresenta l’unica vera alternativa al globalismo ed al pensiero unico, opponendosi alla cultura del mondo senza confini, all’idea di una società trasformata in mercato globale, in cui tutto diventa merce, finanche la vita stessa. Il nuovo bipolarismo non può essere legato a schieramenti oramai desueti, come quello tra destra e sinistra, ma si concretizza nel conflitto tra comunità e individualismo, tra sovranismo e globalismo. E’necessario però che il fronte sovranista renda chiaro ed intellegibile il proprio progetto, andando oltre la semplificazione sloganista e la battaglia sul contingente. Con questo libro, al quale ho contribuito con un paragrafo sul populismo, tentiamo di dare un punto di partenza per quanti hanno intenzione di lavorare seriamente alla creazione di un’alternativa al nichilismo attuale”.

condividi su: