Marzo 2020

AMAZON, CGIL "INSUFFICIENTI I PROVVEDIMENTI A TUTELA DEI LAVORATORI. E' SCIOPERO"

commercio, sicurezza

In riferimento alle procedure di contrasto al Covid-19, riteniamo insufficienti i provvedimenti assunti da parte di Amazon Italia Logistica, rilevando particolari criticità rispetto al distanziamento delle postazioni di alcuni reparti, la mancata dotazione di tutto il personale, sia diretto che in somministrazione, di dispositivi di protezione individuale per lo svolgimento della normale attività lavorativa e per l’utilizzo dei luoghi comuni, come la mensa, gli spogliatoi e i bagni, pertanto, proclamiamo lo stato di agitazione nello stabilimento chiedendo con forza all’azienda e alle ApL di ottemperare immediatamente alle disposizioni del DPCM del 9 marzo 2020. 

A fronte della condizione di emergenza si ricorda a tutti che:

  • la figura del RLS, come pure il Responsabile della Sicurezza, svolge un ruolo fondamentale di monitoraggio e verifica delle misure di sicurezza adottate sul posto di lavoro, importante che tutti i lavoratori diretti e in somministrazione siano messi nelle condizioni di poterlo contattare;
  • le ferie e i permessi sono un diritto dei lavoratori sia Amazon che le agenzie per il lavoro sono tenute a non usarle come ammortizzatore sociale, pertanto, chiediamo ai lavoratori di segnalarci eventuali comportamenti non corretti;
  • anche a fronte di assenze lavorative, lo strumento dello straordinario non è utilizzabile ai fini di compensare le ore di lavoro mancanti poiché questo esporrebbe i lavoratori in turno a maggiore rischio di contagio;
  • per tutelare il reddito dei dipendenti sospesi per problemi sul mantenimento della normale attività produttiva, l’Azienda ha la possibilità di ricorrere alla strumento della cassa integrazione; allo stesso modo per i lavoratori somministrati è possibile l’attivazione del Trattamento di Integrazione Salariale anche con procedure semplificate come da nuovi accordi;
  • ai lavoratori somministrati, se la missione venisse interrotta, verrebbe comunque garantita la retribuzione fino a fine contratto, come previsto dal CCNL della

 

Per Filt Cgil Roma Lazio F.to Massimo Pedretti 

Per Nidil Cgil Rieti Roma Est Valle dell’Aniene Il Segretario Generale F.to Mihai Popescu

11_03_20

condividi su: