Giugno 2019

EVENTI E MANIFESTAZIONI

ALLA FIACCOLATA DI SOLFERINO I VOLONTARI DI RIETI INSIEME A QUELLI DI TUTTO IL MONDO PER CELEBRARE LA CROCE ROSSA

solidarietà

Vitalità, forza, entusiasmo, determinazione e tanta passione al centro della tradizionale fiaccolata per commemorare la nascita della Croce Rossa a cui hanno partecipato, quest’anno,  10.000  volontari provenienti da ogni parte del mondo, tra cui molti del Comitato di Rieti, tutti sotto un’unica bandiera, quella della Croce Rossa. Con la fiaccolata infatti si ricorda ogni anno l’azione di Henry Dunant che nel 1859 giunto il giorno della battaglia di Solferino e San Martino, che venne combattuta il 24 giugno 1859 in Lombardia (di cui ieri cadeva la ricorrenza) nel contesto della seconda guerra di indipendenza dall'esercito austriaco da un lato e da quello francese e piemontese dall'altro, vista la terribile carneficina e l'impotenza di fronte alla disorganizzazione con cui furono portati i soccorsi, rimase fortemente impressionato. Si mosse quindi per organizzare un minimo di attività di assistenza, che venne data mediante il trasporto dei feriti presso il duomo di Castiglione delle Stiviere e lì, con l'aiuto della popolazione, specialmente femminile, vennero prestati soccorsi a tutti, senza riguardo alla divisa indossata, avendo come riferimento il motto “tutti fratelli” Per la sua attività e le sue idee il fondatore della Croce Rossa venne insignito del primo Premio Nobel per la Pace nell'anno 1901. I volontari della Croce Rossa di tutto il mondo, hanno percorso 12 chilometri sulle colline lombarde con una fiaccolata commemorativa, dove furono uccisi 14.000 mila soldati nella battaglia di Solferino, uniti da un "fil rouge” e dai sette principi che ne costituiscono lo spirito e l'etica: Umanità, Imparzialità, Neutralità, Indipendenza, Volontariato, Unità e Universalità. Grandissima la partecipazione internazionale, tra cui tanti giovani del Movimento, con oltre 130 delegazioni di Società Nazionali, visti tra l’altro i due grandi eventi collegati all'edizione 2019: il 100° Anniversario della Federazione Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC) e la quarta edizione dell’International Youth Meeting, sempre dell'IFRC. E’ giunto anche il saluto di Sergio Mattarella al Presidente della Croce Rossa Italiana Francesco Rocca, con il quale il Presidente della Repubblica ha sottolineato la professionalità degli operatori e la generosità dei volontari che sono diventati uno straordinario patrimonio per il nostro Paese, e per il mondo intero:  “Nel giorno in cui la nascita della Croce Rossa viene ricordata e celebrata da migliaia di persone, che ripercorrono insieme il cammino dei feriti soccorsi al termine della battaglia di Solferino del 1859, desidero rivolgere il saluto più' cordiale a tutti gli operatori e i volontari di questa gloriosa associazione che nel tempo continua a esprimere i più alti valori di umanità, di solidarietà, di fraternità".

25_06_19

condividi su: