Febbraio 2018

#ORGOGLIO REATINO

ALI DI FARFALLA

Susanna Salvi Prima ballerina dell'Opera di Roma

danza

Susanna Salvi e Alessio Rezza, al termine della rappresentazione di sabato 6 gennaio de Lo schiaccianoci di Giuliano Peparini sono stati nominati dal Sovrintendente Carlo Fuortes, alla presenza della Direttrice del Corpo di Ballo Eleonora Abbagnato, Primi Ballerini del Teatro dell’Opera di Roma. In tale occasione il Sovrintendente Carlo Fuortes ha dichiarato: “La doppia nomina e il riconoscimento a Susanna Salvi e Alessio Rezza è motivo di orgoglio per me e il Teatro tutto. Due primi ballerini che hanno sempre dimostrato, oggi ancor di più, il loro carisma e la loro capacità di essere artisti, interpretando con vigore e luminosità ogni ruolo che gli viene affidato. Il virtuosismo e la grande personalità li distingue e li caratterizza, rendendoli meritevoli di questo titolo”
Anche noi reatini siamo orgogliosi di questo risultato poichè Susanna Salvi è nostra concittadina, figlia di Daniela Cacciagrano e Fernando Salvi, nomi conosciuti in città (potremmo anche continuare buttando giù un abbozzo di albero genealogico ma ve lo risparmiamo!).
L’interesse di Susanna per la danza si è sviluppato molto presto, intorno agli 8 anni, sotto la guida di Marella Vesseri e Rita De Angelis che, avendone intuito la ‘stoffa’, le fecero prender parte ad un Concorso in cui fu subito notata da un Maestro che l’avrebbe voluta alla Scala. Considerando Milano troppo lontana si optò per la Capitale. Così a soli undici anni questa bambina ‘consacrava’ la sua vita all’arte, lasciava la famiglia entrando alla Scuola di Danza del Teatro dell’Opera di Roma  iniziando un impegnativo percorso che le avrebbe riservato grandi soddisfazioni personali e numerosi riconoscimenti.
Anni fa raccontammo la sua storia, forse per primi, colpiti dai sacrifici affrontati da chi, come lei, aveva ricevuto in dote un ‘dono’ da custodire e perfezionare. Prima in America, poi in Italia a Firenze, per poi tornare all’Opera di Roma dove, nel giugno 2015, sotto la direzione di Eleonora Abbagnato è promossa solista. Un’esperienza internazionale che l’ha portata, con la sua ineccepibile tecnica sulle punte, nel balletto classico, neoclassico e contemporaneo, ad essere apprezzata da compagnie e coreografi come Carla Fracci, Francesco Ventriglia, Silvie Guillem, Kathryn Bennetts. Nel 2016 riceve il Premio Danza&Danza come interprete emergente dell’anno. Emozionante saperla ‘Marie’ ne “Lo Schiaccianocidi Tchaikovsky, o Giselle così come vederla danzare a Venezia, nella splendida cornice del Teatro “La Fenice”,  durante il classico concerto di Capodanno. Determinata e volitiva, di lei si apprezzano “l’ eleganza del gesto, la repentina capacità di apprendimento, la pulizia nei movimenti, il forte controllo del corpo, l’incredibile musicalità e la tecnica straordinaria.”
Il nostro augurio è ora di poterti vedere volare ancora più in alto Susanna, noi con il nostro applauso soffieremo sulle tue ali di farfalla.

condividi su: