Maggio 2019

MOSTRE

90 ANNI DELLA CROCE ROSSA DI RIETI, I DOCUMENTI INGIALLITI RACCONTANO MOMENTI CRUCIALI DEL NOSTRO NOVECENTO

storia

Torna alla luce un pezzo di storia della Croce Rossa di Rieti che festeggia i suoi 90 anni. Dopo un lungo e paziente lavoro, la dott.ssa Maria Rita Bianchetti, delegata dell’obiettivo strategico 4 (sviluppo del Diritto Internazionale Umanitario) e cultore di storia della Croce Rossa italiana (CSCRI) ha scoperto, tra le “antiche carte”, un documento che fa risalire la nascita del Comitato Provinciale di Croce Rossa al 4 maggio 1929. “E’ la festa dei documenti storici – spiega Bianchetti – perché, malgrado l’apparente leggerezza di un foglio, hanno il potere di accrescere la consapevolezza di ciò che siamo e viviamo nel nostro oggi”. Una ricerca iniziata dopo il terremoto di Amatrice e che ha trovato una sua prima conclusione con la “Mostra documentaria, filateliconumismatica”. “Ci siamo maggiormente concentrati – prosegue la delegata - sul periodo tra il 1929 e il 1944, nel quale è stato stilato un registro con tutte le riunioni dei componenti Cri. Saranno esposti anche documenti più recenti che risalgono al 1980 ma c’è ancora un mondo da esplorare e catalogare”.

Documenti ingialliti, quasi ammuffiti, scritti a mano con la penna stilografica – aspetto che mette in evidenza l’ alto livello di istruzione dei volontari dell’epoca – che raccontano momenti cruciali del nostro Novecento martorizzato da un clima di terrore sfociato in due guerre mondiali.
Uomini che hanno saputo mettere in campo diplomazia e operatività. “Senza la nascita delle idee di neutralità e di umanità, nate il 24 giugno 1859 grazie al giovane svizzero Jean Henry Dunant, che sui campi di battaglia di Solferino si scontrò con la sofferenza dei feriti e l’indifferenza di chi colpiva, questa mole di carta non avrebbe ragion d’essere”.
Nella mostra allestita nella sala del Comune, che prenderà il via sabato 4 e finirà giovedì 9 maggio, si potrà ripercorrere la storia – esclusivamente legata al territorio reatino - dei volontari di Croce Rossa che non sono mai rimasti a guardare andando sempre dritti allo scopo: aiutare e sostenere l’altro. Una storia restituita anche attraverso l’affascinante mondo della filatelia e numismatica con una pregiata raccolta di cartoline, francobolli e monete del periodo. Per l’occasione, in apertura della mostra, ci sarà la cerimonia di un annullo filatelico speciale con i funzionari delle Poste di Rieti e Roma. Ma tutta la manifestazione – che comprende la giornata Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna  Rossa dell'8 maggio - si svolgerà anche in altre sedi con la piantumazione di un albero al Parco della Croce Rossa, le attività dei cinofili del
Comitato della Bassa Sabina e le dimostrazioni delle manovre Salvavita Pediatrica ad opera degli Istruttori del Comitato CRI Rieti alla Coop Futura.
“Grazie alla abnegazione dei volontari si è portato a conclusione un evento sentito dalla Croce Rossa di Rieti con il massimo onore perché espressione della longevità del lavoro svolto sul territorio. Ci siamo stati per 90 anni, attraversando anche una Seconda Guerra mondiale, e
continueremo a farlo sempre con la stessa attenzione e intenzione: supportare le persone meno fortunate. Un lunga e tenace storia che si avvale di volontari che offrono il loro tempo libero al bene della comunità” così il presidente del Comitato di Croce Rossa Rieti, Mario Cristallini.
Il programma completo può essere visionato nella locandina seguente

condividi su: