Ottobre 2019

STORIE

4 NOVEMBRE ONORE ALLE FORZE ARMATE E AI NOSTRI CADUTI. I NOMI

storia

Partirono giovanissimi e caddero senza neanche sapere come. Analfabeti, poveri, inviati al fronte senza averne nemmeno coscienza, ma cresciuti ereditando da padri e nonni il patriottismo risorgimentale, e l’ansia di un’Italia libera e unita. Di loro ormai non ricordiamo quasi nulla. Un nonno caduto in guerra ormai non fa più effetto. Qualcuno ogni tanto ne dà un accenno durante un pranzo o una celebrazione. Qualche nome riemerge ogni tanto dall'album delle foto ormai ingiallite o attraverso qualche vecchia cartolina. Loro... i ragazzi del '99 furono cancellati da quelli nati più tardi e morti durante la Seconda Guerra Mondiale, eppure meritarono l'Encomio dell'Esercito "I giovani soldati della Classe 1899 hanno avuto il battesimo del fuoco. Il loro contegno è stato magnifico e sul fiume che in questo momento sbarra al nemico le vie della Patria, in un superbo contrattacco, unito il loro ardente entusiasmo all'esperienza dei compagni più anziani, hanno trionfato. Alcuni battaglioni austriaci che avevano osato varcare il Piave sono stati annientati: 1.200 prigionieri catturati, alcuni cannoni presi dal nemico sono stati riconquistati e riportati sulle posizioni che i corpi degli artiglieri, eroicamente caduti in una disperata difesa, segnavano ancora.
In quest'ora, suprema di dovere e di onore nella quale le armate con fede salda e cuore sicuro arginano sul fiume e sui monti l'ira nemica, facendo echeggiare quel grido “Viva l'Italia” che è sempre stato squillo di vittoria, io voglio che l'Esercito sappia che i nostri giovani fratelli della Classe 1899 hanno mostrato d'essere degni del retaggio di gloria che su loro discende
Zona di guerra, 18 novembre 1917 - Il Capo di S.M. dell'Esercito A. Diaz"

Furono 600.000 gli  italiani caduti nella Prima guerra. Oggi è il 4 novembre Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate  istituita nel 1919 proprio per commemorare la vittoria italiana nella prima guerra mondiale. Almeno in questo giorno vorremmo rendere onore a chi rese possibile il completamento del processo di unificazione risorgimentale, invitandovi a consultare questo link dell'Archivio di Stato che vi porterà ai nomi dei caduti della nostra terra http://www.asrieti.it/MANIFESTAZIONI/grandeguerra2015/completo%20comuni.pdf

Su Rai Storia  alle 12.50 e alle 22.50 “Eventi” viaggia nella storia del 4 novembre attraverso cinegiornali militari e filmati delle Teche Rai. Alle 15.00 e alle 16.00, poi, due appuntamenti con la serie del 1968 “Da Caporetto a Vittorio Veneto”, di Amleto Fattori e Arrigo Petacco: “Il Piave” riporta alla luce immagini di repertorio della prima guerra mondiale, mentre “Vittorio Veneto” ripercorre i luoghi simbolo delle battaglie che portarono alla vittoria nella prima guerra mondiale.

condividi su: